MODx - Hello World

Il mio amico @ppevere utilizza da qualche anno il CMS MODx e oggi mi sono deciso a provarlo. Tengo nota di questo “road test” in questa breve serie di articoli.

MODx – Le mie aspettative

Da ciò che mi ha raccontato @ppevere e da quel che si può leggere nell’home page del progetto ho alcune aspettative che vado ad elencare:

  • amministrazione semplice e moderna
  • template system intuitivo e libero da schemi prefissati
  • sistema modulare, sviluppo moduli semplice
  • documentazione esaustiva

MODx – Download & Primo Avvio

Scarico il pacchetto 2.2.5-pl dalla pagina donwnload e lo decomprimo nella mia webroot. La mia installazione avrà dunque url:

http://localhost/modx

La prima “pecca” che noto è che, accedendo alla presunta home page del sito, mi viene presentato un generico messaggio di errore circa l’impossibilità di visualizzare il sito web.

Per installare MODx bisogna navigare l’url:

http://localhost/modx/setup

Personalmente ritengo utile che il primo accesso porti direttamente alla procedura di installazione o – almeno – visualizzare un messaggio di errore più chiaro.

MODx – Installazione

Superato questo microscopico problema vengo guidato nella procedura di installazione classica:

  • controlli preliminari
  • configurazione / test connessione db (mysql)
  • configurazione utente amministratore
  • installazione e report

La grafica non è certo delle migliori ma la procedura è chiara, localizzata in molte lingue e tutto ha funzionato senza il minimo errore.

Al termine della procedura mi viene proposto di entrare direttamente in amministrazione.

MODx – Login Amministrazione

In MODx l’area di amministrazione si chiama “manager”, io personalmente non ci sono abituato e mi sembra un po’ strano.

La schermata di login si presenta semplice e con le classiche opzioni basilari:

  • ricorda password
  • recupera password
  • cambio lingua

Ancora non ho idea se questa schermata possa essere modificata per implementare una grafica di login personalizzata.

MODx – Manager Dashboard

Dopo il login come amministrazione viene presentata la dashboard di amministrazione.

La disposizione degli strumenti è piuttosto classica: menu a tendina superiore e area di azione affiancata da un elemento di navigazione.

Tutta l’interfaccia di amministrazione è basata sul framework ExtJS3 che ormai è piuttosto datato… mi domando se ci sia in pianificazione un aggiornamento e che politiche siano state adottate circa l’integrazione di moduli di amministrazione di terze parti!

Personalmente ho tutta l’intenzione – e necessità – di creare dei moduli di gestione custom per implementare funzionalità aggiuntive rispetto ai moduli offerti dal CMS… dovrò rispolverare ExtJS?

MODx – Hello World

Dal manager MODx è possibile aprire la parte pubblica del sito web seguendo una comoda voce di menu:

ATTENZIONE! Viene visualizzata una pagina bianca e vuota!!!

Questo particolare mi ha lasciato abbastanza di stucco. Quasi qualunque sistema CMS di larga distribuzione fornisce un set di dati di esempio che hanno lo scopo di “acclimatare l’utente”.

MODx evidentemente non segue questa filosofia ma si pregia di permettere una totale e personalizzata costruzione del sito web – o meglio “sistema web” – in questione.

Per creare il contenuto della nostra prima pagina – Hello World – dobbiamo aprire la risorsa “Home” ed implementarne il contenuto:

MODx – Prima Impressione

Il CMS MODx mi è stato tanto raccomandato da un mio caro amico e collaboratore per cui investirò quasi tutto il weekend nel provare a realizzare un piccolo e semplice sito web con questo sistema.

Al momento l’impressione iniziale è di uno strumento molto limitato al paradigma “pagina -> contenuto” ovvero un ambiente in cui ad un url corrisponde una semplice area di testo dove implementarne il contenuto.

So già che MODx – come WordPress – mette a disposizione le variabili personalizzate per implementare contenuti complessi e sicuramente l’approccio di sviluppo è moderno e object oriented… cosa che assolutamente non si può dire di WordPress che, assieme a Joomla, è uno dei sistemi CMS più vecchi ed obsoleti in circolazione!

NOTA: utilizzo WP per scrivere questo articolo… ma questo è un blog, non un sito!

La mia più grande aspettativa è la gestione del tema grafico e spero di riuscire, nell’arco di un weekend, a realizzare un sito di qualche pagina, magari con stili leggermente differenti, implementare un form di contatto e – magari – una piccola area riservata per gli ipotetici iscritti di un club.

Vedremo!
@ThePeg

Scritto da MPeg

Progetto e sviluppo applicazioni web basate su CakePHP e jQuery.
Fornisco consulenza e formazione su PHP, Javascript, HTML5, CSS, CakePHP, jQuery, jQueryUI, BackboneJS, LESS.
Inoltre scrivo articoli e seminari riguardanti l’usabilità delle interfacce web, ottimizzazione del codice e delle prestazioni di pagine ed applicazinoni web.

Oltre al web le mie grandi passioni sono l’escursionismo in montagna, la mountain bike, la V-Strom ed in generale quasi qualunque sport che non faccia successo in TV!

Posted in Software and tagged , , , . Bookmark the permalink. RSS feed for this post. Leave a trackback.
  • pax

    Modx per me è utile proprio perché non faccio il programmatore e mi lascia completa libertà di costruire html e css con la massima libertà. A mio parere rispetto ad altri CMS, tra quelli che hai citato e ci aggiungo anche Drupal è molto user friendly….poi capisco…io lo uso da anni. Attenzione però al progetto modx cloud…. E ora mi faccio un buon panino, visto che sono già le 5 e 21….

  • mpeg

    Dal tuo commento sembra che Drupal sia user friendly… aiuto!

    Comunque sono d’accordissimo circa la libertà lasciata sul codice HTML. Rispetto a WP o Joomla proprio non esistono termini di paragone.

    Da sviluppatore invece trovo un po’ tortuosi alcuni ragionamenti… come già sai mi sto pesantemente scontrando sul discorso multilingua!

Swedish Greys - a WordPress theme from Nordic Themepark.